Utilizziamo cookie propri e di terzi per migliorare i nostri servizi mediante l'analisi delle vostre abitudini di navigazione. Se si continua la navigazione o si rimanete in questo sito Internet, significa che accettate queste condizioni. È possibile ottenere ulteriori informazioni nel nostro Politica sulla privacy.
Offerta Last-Minute
Visita Alhambra Palace
 

D┤estate Alhambra è ancora più bella
  • D┤estate Alhambra è ancora più bella



La Alhambra e il Generalife costituiscono la meta della passeggiata che dal centro della città va verso la collina rossa, nella quale si trova appunto la Alhambra. Quest'ultimo è il più bel complesso d'arte ispanico-araba della cultura nazarita, costituito da un complesso fortificato, una volta residenza reale, posto sull'altura principale che domina la città.  Il  Generalife, eretto nel XIII secolo come residenza estiva dei sultani arabi, è famoso soprattutto per i suoi giardini incantati.

Per l'Alhambra bisogna salire lungo la Cuesta de Gomèrez, la Porta delle Melagrane, costruita nel 1536 possiede tre archi. Attraversata questa, si arriva al pioppeto dell'Alhambra, dove nascono tre sentieri scoscesi. Seguendo quello di destra si giunge alle Torri Vermiglie, la fortezza più vecchia di Granada. Il sentiero al centro conduce al Generalife e quello di sinistra davanti a una bella fonte chiamata Pilar di Carlo V. Accanto al Pilar, la Porta della Giustizia, entrata principale dell'Alhambra nel lato meridionale. Una volta attraversata la porta, ci si trova davanti al Palazzo di Carlo V, edificio massiccio nel più sobrio stile rinascimentale. Oggi è sede del Museo dell'Alhambra e del Museo delle Belle Arti. La Porta del Vino è quella che dava accesso alla parte alta dell'Alhambra, l'arco a sesto acuto della sua facciata principale è rivolto verso l'Alcazaba, o Cittadella.

L'Alcazaba è, insieme alle Torri Vermiglie, la costruzione più antica del complesso dell'Alhambra. Qui sorgono diverse torri, la più famosa è la Torre della Vela, che misura 16 metri di lato e 25 d'altezza, le cui campane indicavano i turni di irrigazione della fertile pianura circostante. Nella parte interna della cittadella c'è la piazza delle armi, e a sinistra si trova un giardino del XVII secolo denominato Jardìn de los Adarves. Uscendo dalla porta del Vino, e attraversando il giardino che si trova davanti al Palazzo di Carlo V, si scendono alcuni gradini e si arriva ai Palazzi Reali Nazariti che occupano la parte più bassa della collina. Si tratta di tre nuclei, ognuno dei quali svolgeva una funzione specifica nella vita di corte. C'è il Mexuar, o Stanza Dorata, destinata all'amministrazione del regno. Il Serrallo o Curato de Comares, destinato a residenza ufficiale del re. Nell'Harèm, il terzo nucleo, si trovavano le dimore private. L'angolo più interessante dell'Harèm è il Mirador de Daraxa, perché la volta che lo copre permette di trasmettere i suoni. Al centro si trova il Cortile dei Mirti, dalle forme armoniose, con uno stagno. Dal vicino giardino di Doraxa, si accede ai Giardini del Portal e da lì alla Torre delle Dame, nonché alla torre conosciuta con il nome di Mezquita de El Portal.

Fonte: INFORMAGIOVANI D'ITALIA

 

Torna a Notizie

Accesso ad agenzie e clienti

Alberghi e Intrattenimento a Granada

Luoghi di raccolta

Informazioni Multimedia

Tripadvisor